Visita a Carrara e Colonnata

Visita a Carrara e Colonnata
Visita a Carrara e Colonnata

 

La visita ai tre bacini marmiferi delle cave di marmo di Torano, Fantiscritti e Colonnata è indimenticabile ed unica: lungo il tracciato della ex Ferrovia Marmifera, i visitatori compiono uno spettacolare viaggio passando sui Ponti di Vara e all’interno di gallerie suggestive scavate nella roccia, alla scoperta delle cave da cui fin dall’epoca pre romanica si estraeva il marmo bianco di Carrara. Dall’età imperiale i blocchi venivano trasportati a valle con il pericoloso metodo della lizzatura e il marmo giungeva al porto di luni percorrendo la via Carraia su carri trainati dai buoi.

L’attività estrattiva ha origini remote (II sec. a.C.), fu potenziata dai Romani, che usarono largamente il marmo “lunense” per costruire ville e monumenti, ed è proseguita con alterne fortune fino allo sviluppo industriale del secolo scorso.

Da allora si è sviluppata costantemente fino all’attuale produzione di circa 800 mila tonn. annue con tecniche, materiali e attrezzi che vengono continuamente perfezionati, migliorando le condizioni di lavoro e ponendo Carrara all’avanguardia del settore. Il marmo sarebbe solo una fredda pietra, splendida ma naturalmente priva di forme se non vi fosse la mano dell’uomo a modellare sculture ad architetture.

Il grande Michelangelo, maestro divino, ha dato vita a sinuose statue talmente belle da sembrare reali, talmente vive da avere un’anima.

La CAVA MARMI RAVACCIONE N. 84 nasce nel cuore dei bacini marmiferi di Carrara, tra Ravaccione e Fantiscritti; Luogo prediletto per la qualità del marmo proprio da Michelangelo che pare abbia trascorso 3 anni a scegliere blocchi di marmo per la tomba di Papa Giulio II.

 

COLONNATA

 

Colonnata è un piccolo paese di soli 300 abitanti conosciuto in tutto il mondo per il marmo e per il lardo. Qui possiamo anche ammirare il campanile con sassi a vista e la chiesa parrocchiale dedicata a San Bartolomeo.

Il lardo è un salume ad indicazione geografica protetta e viene prodotto con lardo di suino stagionato in conche di marmo di Carrara. Il lardo di colonnata ha un aspetto umido, è di colore bianco leggermente rosato e presenta una consistenza omogenea e morbida.

Ha un sapore delicato e fresco, quasi dolce, finemente sapido se proveniente dalla zona delle natiche, arricchito dalle erbe aromatiche e dalle spezie usate nella lavorazione e dal profumo fragrante. Il suo utilizzo ideale è al naturale, tagliato a fette sottili. In passato era considerato un semplice condimento o il companatico”povero” per i lavoratori delle cave, dato il grande apporto nutritivo. Lo si può gustare come piatto a sé o anche in abbinamenti inusuali, ad esempio con i crostacei.

 

VISITE GUIDATE

Mezza giornata con macchina privata e pick up da Il Bottaccio Euro 350,00

 

Per prenotazioni e informazioni:

Tel: +39 0585 340031

E-mail: bottaccio@bottaccio.com